Festa di fine anno nell'auditorium 2.0 con un omaggio a Ezio Bosso

 

Da cosa nasce l'idea di questo concerto virtuale? La scorsa settimana ho fatto un pensiero: “Ma quest'anno come sarà l'ultimo giorno di scuola?”

E mi è scesa una tristezza infinita. Niente concerti per il trentennale... niente festa di fine anno per tutti in Auditorium... niente Coperniadi!

Pensavo agli anni scorsi in cui l'uscita dell'ultimo giorno di scuola veniva scandita  sonoramente dal countdown dell'ultimo minuto, un urlo al suono dell'ultima campanella e poi di corsa tutti fuori per immergervi in un pomeriggio di gavettoni in piazzetta... Niente di tutto questo!

 

Dopo questo lungo periodo di lockdown avremmo invece dovuto chiudere il sipario con un “Ciao ragazzi, e buone vacanze!” e, per finire, un insignificante... freddo... click del mouse.

Non poteva andare così!

Allora mi son messa a pensare, neanche tanto, a dir la verità. La prima cosa che ho fatto è stato guardare negli occhi la mia collega Federica Bressan... che mi aveva già risposto di si. Senza il suo aiuto tutto questo non sarebbe stato possibile!

Questo spettacolo virtuale vuole essere un messaggio di ringraziamento per tutti coloro che in questo periodo difficile, nuovo e complesso per tutti noi, si sono dimostrati presenti, impegnati e ben organizzati, offrendo una valida collaborazione al lavoro di noi docenti.

Avete avuto bisogno di noi... come noi di voi... anche per colmare un distacco improvviso e molto prolungato.

Le cose sono andate così, ma non dobbiamo dimenticare che durante quest'anno sono state fatte molte belle cose che vi hanno visto protagonisti a vari livelli.

A questo proposito avrete modo di vedere alcuni lavori da voi prodotti e, per accompagnarvi in questa carrellata, abbiamo voluto inserire, come filo conduttore, alcuni contributi riferiti al M° Ezio Bosso. Ne avrete certamente sentito parlare, forse per la prima volta, a metà maggio quando purtroppo è mancato a seguito di una grave malattia neurodegenerativa che l'ha colpito parecchi anni fa e che l'ha costretto irrimediabilmente sulla sedia a rotelle e ad avere problemi con la parola.

La musica però non gli ha impedito di coltivare fino all'ultimo quella che era la sua più grande passione.

Lui ha dato la vita per la musica e la musica ha dato la vita a lui.

I suoi bellissimi pensieri sono destinati a tutti, ma in particolare a voi giovani ed è per questo che abbiamo ritenuto doveroso farvelo conoscere ed apprezzare.

 

Manuela Giotto e Federica Bressan

 

 

 

Scarica qui il video con un estratto dalla festa di fine anno. Il video completo verrà caricato tra i materiali in classroom.

 

 

 

Invito festa di fine anno 2020

Visite: 47

Torna all'inizio del contenuto